I lunedì di primavera, la prima colazione

Bentrovati al nostro secondo appuntamento della rubrica del benessere di primavera.

Oggi ho pensato di dedicarlo alla prima colazione del mattino, essendo un tema davvero importante, a mio parere forse il più importante tra le abitudini per uno stile di vita sano, vediamo perché.

Come ci suggerisce il documento di consenso sul ruolo della prima colazione nella ricerca e nel mantenimento della buona salute e del benessere, al termine del digiuno notturno, la prima colazione ha una funzione fondamentale: fornire la disponibilità energetica necessaria per affrontare le attività della mattina e, più in generale, dell’intera a giornata. Saltare la prima colazione ha degli effetti diretti non solo sulla performance quotidiana, ma anche su numerosi parametri metabolici correlati allo stato di salute dell’individuo e al controllo del peso corporeo.

Nei bambini e adolescenti l’esclusione del primo pasto della giornata si manifesta con una minore capacità di concentrazione a scuola, nonché di resistenza durante l’esercizio fisico. Contrariamente, una prima colazione adeguata è associata ad un miglioramento della capacità di memorizzazione, del livello di attenzione, della capacità di risoluzione di problemi matematici e della comprensione durante la lettura e l’ascolto.

Nell’adulto sono molteplici i benefici apportati da una prima colazione regolare: si è visto infatti che sono diversi i parametri metabolici correlati essenzialmente al rischio cardiovascolare ma anche allo stato di salute e benessere generale dell’individuo.

  • Riduzione dei livelli plasmatici del “colesterolo cattivo” o LDL
  • Riduzione della trigliceridemia
  • Migliore sensibilità all’insulina

Il Controllo del peso ha una correlazione diretta con la prima colazione del mattino. Gli alimenti che dovrebbero essere consumati abitualmente durante una colazione equilibrata (i carboidrati e le fibre di cui sono ricchi soprattutto frutta, cereali e derivati) migliorano direttamente l’utilizzazione del glucosio e modulano la risposta insulinica. Ne deriva un maggiore senso di sazietà e l’assunzione di una minore quantità di calorie nei pasti successivi.

La prima colazione deve essere innanzitutto un piacere, è necessario quindi trovare la soluzione più indicata alle proprie esigenze e gusti, può essere dolce o salata, anche la colazione al bar va bene, purché sia una colazione equilibrata. Dovrebbe apportare circa il 20% delle calorie dell’intera giornata. Ecco alcune idee:

COLAZIONE DOLCE

  • Latte o yogurt
  • Cereali, pane con la marmellata o con la cioccolata, biscotti, croissant
  • Spremuta, frutta fresca
  • Frutta secca e semi oleosi

COLAZIONE SALATA

  • Uova, salumi  o formaggi magri
  • Pane o fette croccanti
  • Spremuta, frutta fresca
  • Frutta secca e semi oleosi